Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

L'ultimo giorno di gennaio dell'anno 1882, un signore, alto della persona, dal volto abbronzato e dai baffi grigi, scendeva di carrozza, sulle prime ore del mattino, come a dire fra le otto e le nove, davanti ad un portone della via Nazionale, in Roma. Aveva l'aria assai nobile, era vestito con severa eleganza e andava diritto, con soldatesca balìa, come un colonnello in abito cittadino, che sotto le spoglie inusitate lascia indovinare i suoi trent'anni di spallini. Entrato nell'androne, e osservata non senza stupore la magnificenza delle scale, ascese al secondo piano, dove era scritto, su d'una piastra di porcellana, "Cav. Arrigo Valenti.

Cavaliere! esclamò il signore dai baffi grigi. O che diavolo ha fatto il mio signor nipote, per esser nominato cavaliere? Dei debiti, m'immagino. E saranno certamente assai più di quelli che mi aveva lasciati sospettare la sua lettera ad uno zio che non ha mai visto nè conosciuto. Ahimè! Prevedo, conchiuse egli, sospirando, che pagherò anche questa bella piastra di porcellana del Ginori.

Tirò allora la maniglia del campanello, e un minuto dopo fu aperto l'uscio da un servitore in mezza livrea.

Chi cerca? domandò questi.

Il signor Arrigo Valenti.

Il cavaliere, ripigliò il servitore, battendo sul titolo, non riceve ancora.

Ah, mi rincresce. Sono arrivato stamane col treno delle sette, e credevo....

Se il signore vuol lasciar detto il suo nome....

Volentieri; ecco qua.

Così dicendo, il signore dai baffi grigi aveva cavato di tasca il portafogli, per prendere un biglietto di visita. Ma ci aveva troppi biglietti di banca: e quelli di visita, o erano affogati nel mucchio dei loro più degni fratelli, o erano stati dimenticati a casa.

Bene! esclamò il signore, facendo un atto di rassegnazione, dopo due o tre d'impazienza. Non ne trovo. Dite al vostro padrone che è passato a cercarlo Cesare Gonzaga.

Il servitore sgranò tanto d'occhi, a mala pena ebbe udito quel nome, e s'inchinò per modo da far credere che volesse piegarsi in due.

Perdoni, Eccellenza!... Si dia la pena d'entrare!

Il signore sorrise sotto i baffi grigi ed entrò. Quell'altro, richiuso prontamente l'uscio, corse a sollevare il lembo di una portiera in fondo all'anticamera.

Per di qua, signor marchese, per di qua! diceva egli, frattanto, inchinandosi da capo. Questo è lo studio del padrone.

Marchese! brontolò il vecchio signore. Per chi mi hai preso?

Scusi, illustrissimo! Non è lei lo zio del cavaliere Valenti?

Suo zio, certamente.

O allora?

Allora saprai, disse gravemente il vecchio signore, che si può essere zii, senza essere marchesi.

Ah, ah, sicuro! rispose il servitore, facendo bocca da ridere. Ma egli è che i Gonzaga... scusi, illustrissimo! I Gonzaga sono... i Gonzaga, e portano d'oro con tre fasce di nero.

Il vecchio guardò con atto di stupore quel servo, che gli blasonava con tanta sicurezza lo scudo.

Come? disse poi; saresti un dilettante di araldica?

Che vuole, illustrissimo! replicò umilmente quell'altro. Servendo i gran signori, ci si piglia anche un'infarinatura di quest'arte.

Di bene in meglio! Sentimi dunque. Hai tu veduto mai uno stemma come questo: cuor d'oro in campo d'argento?

Ella scherza, illustrissimo. Non si può metter mica metallo sopra metallo.

Neanche in tasca?

Oh, questo poi sì.

Ottimamente; vedo che la sai lunga, giovinotto! Ma il tuo padrone....

Vado ad annunziarla subito. Vuol essere contento il cavaliere, quando saprà che è arrivato suo zio. Da tre giorni l'aspetta con impazienza.

Eh, lo credo; va dunque.

Il servitore si avviò sollecito, con una gran voglia di fregarsi le mani.

Ecco uno strano capriccio; pensava egli. Non vuole esser chiamato marchese. Capisco che potrebbe

Dettagli

Generi Romanzi e Letterature » Classici » Narrativa d'ambientazione storica » Avventura , Gialli Noir e Avventura » Romanzi storici » Narrativa di Avventura

Editore Jwarlal

Formato Ebook con Adobe DRM

Pubblicato 27/07/2018

Lingua Italiano

EAN-13 1230002449456

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "ARRIGO IL SAVIO"

ARRIGO IL SAVIO
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima