Mondadori Store

Trova Mondadori Store

Benvenuto
Accedi o registrati

lista preferiti

Per utilizzare la funzione prodotti desiderati devi accedere o registrarti

Vai al carrello
 prodotti nel carrello

Totale  articoli

0,00 € IVA Inclusa

NVMINA MAGNA: Roma e il culto dei Grandi Dei di Samotracia
NVMINA MAGNA: Roma e il culto dei Grandi Dei di Samotracia

NVMINA MAGNA: Roma e il culto dei Grandi Dei di Samotracia

by Emiliano Cruccas
pubblicato da Archaeopress

34,69
Disponibile - Attenzione!! Consegna a rischio per Natale.
69 punti carta PAYBACK
Prodotto acquistabile con Carta del Docente e 18App
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp
Aggiungi al carrello
Consegna gratuita con spesa totale superiore a 24€
facebook tweet linkedin whatsapp

The cult of the Great Gods of Samothrace, which became popular starting as early as the 7th century BC in the eastern Mediterranean, is characterised by regional differences concerning cultural manifestations and relationships with local deities. Confused and identified with the so-called Cabiri, these deities had their main sanctuaries on the islands of Samothrace and Lemnos and in Thebes, in Boeotia. The connection between these deities and others like Dioscuri, Penates and Lares and their protective function seem to be a key to understanding the complex syncretism that characterises the cult of the Great Gods from the period of Roman conquests in the Eastern world. The literary sources seem to highlight, in fact, in the period in which the interests in the Eastern world are crucial to the foreign policy of Rome, an evident attempt to identify the Kabiroi of Samothrace with typically Roman gods like Lares and Penates. The aim of this book is to underline the main aspects of the cult in light of the influences of Roman cultural and mythological substratum. | Il culto dei Grandi Dei di Samotracia, diffuso nel Mediterraneo orientale a partire almeno dal VII secolo a.C., e caratterizzato da differenze nei diversi bacini geografici, sia per cio che concerne le manifestazioni culturali, sia per quanto riguarda i rapporti con le divinita locali. Confusi ed identificati con i cosiddetti Cabiri, queste divinita avevano i loro principali santuari sulle isole di Samotracia e Lemno e a Tebe di Beozia. La loro connessione con i Dioscuri, i Penati e i Lari e la loro funzione protettiva sembrano essere la chiave di lettura per comprendere il complesso sincretismo che caratterizza il culto dei Grandi Dei a partire dalla conquista romana del Mediterraneo occidentale. Le fonti letterarie sembrano evidenziare, infatti, nel periodo nel quale le azioni di politica estera di Roma si concentrano in Oriente, una forte volonta di identificare gli dei di Samotracia con divinita tipicamente romane come Lari e Penati. Lo scopo di questo libro e quello di mettere in evidenza i principali aspetti del culto attraverso l'analisi delle influenze del sostrato culturale e mitologico di Roma.

Dettagli

Generi History » Archaeology , Religion » Others Oriental Religions

Editore Archaeopress

Formato Paperback / softback

Pubblicato 30/04/2019

Pagine 158

Lingua Italiano

Isbn o codice id 9781789690910

0 recensioni dei lettori  media voto 0  su  5

Scrivi una recensione per "NVMINA MAGNA: Roma e il culto dei Grandi Dei di Samotracia"

NVMINA MAGNA: Roma e il culto dei Grandi Dei di Samotracia
 

Accedi o Registrati  per aggiungere una recensione

usa questo box per dare una valutazione all'articolo: leggi le linee guida
torna su Torna in cima